Lago d’Orta viaggiare E-Traveling

viaggiare ecologico

/ noleggi bike / guide / servizi / territorio / esperienze

Esperienze in evidenza sul Lago d’Orta

Lago d’Orta viaggiare con E-Traveling in modo ecologico. Una nuova filosofia per vivere la natura ed esplorare uno dei gioielli più splendidi del nord Italia

Punti di interesse sul Lago d’Orta

Una selezione di luoghi d’interesse del Lago d’Orta. Viaggiare con E-Traveling in modo ecologico. Una nuova filosofia per vivere la natura ed esplorare nuove destinazioni.


Inserisci la tua attività in E-traveling

Una piattaforma dedicata
per chi vuole proporre esperienze, servizi
nel rispetto dell’ambiente

EVENTI del Lago d’Orta

Lago d’Orta viaggiare E-Traveling

TRA FEDE ARTE SPORT e NATURA

Lago d’Orta viaggiare E-Traveling – Il lago d’Orta, con i suoi 13,4 km di lunghezza e 2,5 di larghezza è una autentica gemma incastonata tra il verde delle Alpi e boschi piemontesi, il piccolo cugino tranquillo del maestoso Lago Maggiore. Le rive del lago sono costellate di piccoli paesi pittoreschi, borghi antichi e porticcioli che documentano la vita di pescatori, una volta gli abitanti più numerosi del Lago D’Orta.  Oggi invece raccontano storie moderne di imbarcazioni sportive e di porto, di turismo internazionale di qualità.  Orta è una destinazione ideale per famiglie, coppie in cerca di un romantico luogo di relax, amanti di sport, estremi e dolci, giovani e meno giovano che amano la natura e la sua energia.

SCOPRIAMO IL LAGO
 D’ORTA

Facciamo insieme un giro rapido dei paesi rivieraschi, partendo dalla cittadina di Omegna, il centro urbano principale nel punto più settentrionale del lago con il suo bel lungolago e mercato del giovedì, per poi seguire la sponda orientale del lago.
Ora si arriva a Pettenasco, un piccolo paese storico che si è sviluppato ai nostri tempi con diversi hotel, ristoranti, bar e campeggi sul lungolago panoramico. A nord guarda verso l’unica isola del lago e a sud gode di panorami ameni verso la penisola che ospita sia il Sacro Monte sia il magico paese di Orta San Giulio.

Lago d’Orta viaggiare E-Traveling

Ancora 4 km e arriviamo ad Orta da sempre amato da poeti, pittori, famiglie reali e capitani d’industria.
Oggi il borgo medievale di Orta San Giulio ha altrettanto fascino per chi ama la pace e la tranquillità, la sua aura misteriosa, quasi spirituale. L’Isola di San Giulio è dominata dalla sua splendida basilica e un’abbazia benedettina abitata da silenziose monache che benevolmente vigilano sulla Via del Silenzio. Qui le scritte della Madre Badessa Anna Maria Canopi dispensano pensieri profondi che ci insegnano dei poteri del Silenzio e della Meditazione.

CULTURA DEL VIAGGIARE

Della zona del lago d’Orta è originario lo scrittore Gianni Rodari, nato il 23 ottobre 1920 a Omegna. Nelle sue opere sono numerose le citazioni al lago, come ne C’era due volte il barone Lamberto ambientato sull’isola di San Giulio, e ne Il ragioniere-pesce del Cusio.
Per rendere omaggio al noto concittadino, il comune di Omegna ha realizzato il “Parco della Fantasia Gianni Rodari”.
Il lago d’Orta fu teatro del breve incontro tra Friedrich Nietzsche e Lou von Salomé, che costituì una delle rarissime esperienze femminili del filosofo. Dopo il rifiuto di Lou Salomé alla sua proposta amorosa, Nietzsche iniziò la gestazione delle sue opere critiche, tra cui Così parlò Zarathustra.

Lago d'Orta viaggiare E-Traveling

LA LEGGENDA DI SAN GIULIO

La leggenda sulla fondazione della Basilica di San Giulio narra che alla fine del IV secolo due fratelli, Giulio e Giuliano, originari dell’isola greca di Egina, arrivarono sulle rive del lago e si dedicarono all’abbattimento dei luoghi di culto pagani e alla costruzione di chiese, con il beneplacito dell’imperatore Teodosio I. San Giulio lasciò al fratello Giuliano il compito di edificare a Gozzano la novantanovesima chiesa, cercando da solo il luogo dove sarebbe sorta la centesima.

SAN GIULIO E IL DRAGO

Giulio individuò nella piccola isola il luogo adatto, ma non trovando nessuno disposto a traghettarlo, stese il suo mantello sulle acque e navigò su di esso.

LA STORIA


Nel Medioevo il lago era noto come lago di San Giulio e solo a partire dal XVII secolo cominciò ad affermarsi il nome attuale di Lago d’Orta, dalla principale località rivierasca, Orta San Giulio. Il nome Cusius (Cusio) deriva da una cattiva lettura della Tabula Peutingeriana, dove compare un lacus Clisius la cui esatta identificazione è incerta. Il nome Cusio. Diffuso dallo storico Lazzaro Agostino Cotta, autore della Corografia della Riviera di San Giulio alla fine del XV secolo, entrò comunque nell’uso comune. Lago d’Orta Piemonte Italy. Lago d’Orta e-traveling viaggiare.

Il lago d’Orta, con i suoi 13,4 km di lunghezza e 2,5 di larghezza è una autentica gemma incastonata tra il  verde  delle Alpi e boschi piemontesi, il piccolo cugino tranquillo del maestoso Lago Maggiore. Le rive del lago sono costellate di piccoli paesi pittoreschi, borghi antichi e porticcioli che documentano la vita di pescatori, una volta gli abitanti più numerosi del Lago D’Orta.

Oggi invece  raccontano storie moderne di  imbarcazioni sportive e di porto, di turismo internazionale di qualità.

Orta è una destinazione ideale per famiglie, coppie in cerca di un romantico luogo di relax, amanti di sport, estremi e dolci, giovani e meno giovano che amano la natura e la sua energia.

Facciamo insieme un giro rapido dei paesi rivieraschi, partendo dalla cittadina di Omegna, il centro urbano principale nel punto più settentrionale del lago con il suo bel lungolago e mercato del giovedì, per poi seguire la sponda orientale del lago.

Ora si arriva a Pettenasco, un piccolo paese storico che si è sviluppato ai nostri tempi con diversi hotel, ristoranti, bar e campeggi sul lungolago panoramico che a nord guarda verso l’unica isola del lago e a sud gode di panorami ameni verso la penisola che ospita sia il Sacro Monte sia il magico paese di Orta San Giulio.

Lago d’Orta e-traveling viaggiare ecologico, ancora 4 km e arriviamo ad Orta da sempre amato da poeti, pittori, famiglie reali e capitani d’industria.Oggi il borgo medievale di Orta San Giulio ha altrettanto fascino per chi ama la pace e la tranquillità, la sua aura misteriosa, quasi spirituale. L’Isola di San Giulio è dominata dalla sua splendida basilica e un’abbazia benedettina abitata da silenziose monache che benevolmente vigilano sulla Via del Silenzio dove le scritte della Madre Badessa Anna Maria Canopi  dispensano pensieri profondi che ci insegnano dei poteri del Silenzio e della Meditazione.

Visita il portale del Lago d’Orta